La Nostra Storia

Da70 anni  illuminiamo il Mondo

La fabbrica “Il Ceraio Schettino” inizia la propria storia nel 1930 con il fondatore Alfonso Schettino. Impiegato sin da giovane nella produzione di candele presso un laboratorio a Liveri in provincia di Napoli, suo paese natale, nel 1947 Schettino dà vita ad un progetto imprenditoriale indipendente, inaugurando la propria cereria. Specializzato nei primi anni nella produzione di ceroni e candele liturgiche, nel 1963 Alfonso Schettino trasferisce la propria attività a Roma: la maggiore capacità produttiva della nuova fabbrica consente alla cereria di affermarsi in breve come fornitore di strutture ecclesiastiche, quali Chiese, Basiliche, Santuari ed Istituti religiosi. Negli anni successivi il figlio Andrea inizia ad affiancare il padre nella gestione dell’azienda, incrementando la produttività e rafforzando la riconoscibilità dei prodotti. Nel 1984 Andrea succede al padre nella titolarità dell’azienda, avviando nuove produzioni destinate, 

all’industria cinematografica o ideate appositamente per il Ministero delle Finanze, i dischi di paraffina destinati al controllo della produzione di alcolici. Nel 1994, con l’ingresso in fabbrica dei propri figli, Alfonso e Giovanni, Andrea trasferisce la cereria nel più ampio stabilimento nella zona industriale di Acilia. Negli anni gli investimenti per l’ammodernamento dei macchinari produttivi danno vita ad una nuova gamma di prodotti, come le candele artistiche ed aromatiche, vero tratto distintivo della produzione. Oggi l’azienda, che dal 2006 ha assunto la denominazione “Il Ceraio Schettino srl” è specializzata nella produzione di candele mangiafumo, torce a vento, candele alla citroncella, candele anti goccia, ceri per le festività, ceroni per Chiese e fiaccole romane: la duttilità dei sistemi produttivi e le ampie scorte di magazzino consentono alla cereria di soddisfare le richieste di qualsiasi cliente, garantendo la massima cura nei dettagli in ogni fase del processo produttivo e l’impiego delle migliori materie prime.